eidoteca

Home » Posts tagged 'Parolario 2013'

Tag Archives: Parolario 2013

PAROLARIO 2013: INTERVISTA AL FILOSOFO SALVATORE VECA

Veca intervista Parolario

Intervista a cura di Andrea Pollastri

Gentile Professor Salvatore Veca, vorrei iniziare questa intervista facendole leggere l’ intervento di un giovane filosofo, Diego Fusaro, alla domanda da parte di un giornalista circa l’utilità di una laurea in filosofia, dello studio e della pratica della filosofia.

Dice Diego Fusaro: «Quando mi chiedono “a cosa serve” una laurea in filosofia, rispondo: “a non fare domande come queste”. E se dico che faccio il filosofo – che è quello che faccio, filosofo e storico della filosofia – per molti è come se dicessi che faccio l’astronauta: la reazione è tra l’incredulità e la supponenza. Perché questo luogo comune che sia una materia inutile, oltre che sbagliato, è duro a morire. E non per caso: oggi chi mette in discussione il sistema è una figura scomoda». Cosa ne pensa?

La risposta di Diego Fusaro alla leggendaria domanda a proposito dell’utilità della filosofia è appassionata ma insoddisfacente. (altro…)

PAROLARIO 2013: INTERVISTA AL FILOSOFO ANDREA BOTTANI

AndreaBottani

Intervista a cura di Andrea Pollastri

Gentile professor Bottani, nell’introduzione al suo intervento per l’edizione di Parolario 2013, troviamo questo interessante quesito:

Immaginiamo che la vita mentale di un ciabattino venga interamente trasferita nella testa di un re e che tutti i ricordi, le esperienze e le aspettative del re diventino la vita mentale del ciabattino”.

Secondo John Locke si tratterebbe di un caso in cui due persone hanno cambiato il loro corpo.

  1. E’ sufficiente la continuità psicologica per assicurare la nostra persistenza nel tempo? 
  2. Le persone sono puri flussi di coscienza?

Andrea Bottani: Credo che le domande 1) e 2) possano essere trattate insieme. Fu Locke a sostenere per primo che la nostra persistenza nel tempo non sia la persistenza di una sostanza (materiale come il corpo o immateriale come l’anima) ma piuttosto la continuità della nostra coscienza. (altro…)