eidoteca

Home » Economia / Politica / Società » CULTURA: LA CENERENTOLA DI INTERNET

CULTURA: LA CENERENTOLA DI INTERNET

verdi_culturaDi Francesco Torriani

Come non riconoscere i meriti di Internet, il media democratico, che permette a (…quasi) tutto il mondo di avere a portata di mano persone vicine e lontane, eventi presenti e remoti, conditi di suoni, immagini, filmati. L’opportunità della connessione é di per se stessa un valore positivo. Ma gli ambienti che abitualmente frequentiamo nella rete sono uno strumento di diffusione della cultura?

Analizziamo il dettaglio:

  • facebook-logoIl frequentatore dei social (Facebook, Twitter) é abituato a guardare immagini e a leggere frasi contenenti poche decine di parole e rifiuta contenuti più profondi: le loro pagine mostrano solo notizie (più spesso notiziole o pettegolezzi); quando l’intelligenza degli utenti si esprime al massimo si possono addirittura leggere sentenze, pareri od aforismi.

  • Wikipedia-logo_1251969346Wikipedia é la Treccani universale dei tempi moderni (senza lo stesso livello di controllo della veridicità dei contenuti). Tante nozioni, utilissime, ma la cultura necessita anche di modalità di fruizione del testo che i troppi hyperlink non favoriscono; le monografie si soffermano alla semplice, anche se spesso esauriente, spiegazione di una parola e non di un contesto.

  • tema_caldoI quotidiani e le riviste, nella loro versione online, tendono a scartare gli articoli di soggetto culturale o di ampio respiro, che troviamo sulla loro versione cartacea, per favorire sezioni che riportano curiosità, gossip, immagini di dubbio gusto

Volete la controprova? E’ resa disponibile da Google l’incidenza delle parole che gli utenti utilizzano nelle funzioni di ricerca, inclusa la crescita o decrescita nel tempo.

Ho fatto un piccolo esercizio: prese l’incidenza di alcune parole nel 2005 ho verificato tale incidenza nel 2013, per verificare quanto il popolo di Internet utilizzi lo strumento per accedere all’argomento preferito. Ho limitato la ricerca agli accessi in Italia su parole italiane.

Vediamo alcuni esempi significativi:

ilmeteoParole solitamente lontane dalla cultura:

Meteo: crescita del 170%

Giochi: crescita del 20%

Rapina: crescita del 267%

Michelle Hunziker: crescita del 15%

louvreParole introduttive alla cultura:

Socrate: decrescita del 27%

Heidegger: decrescita del 57%

Caravaggio: decrescita del 49%

Libro: nessuna variazione (…fortunatamente)

Museo: decrescita del 44%

E’ purtroppo dimostrato che, tendenzialmente, la piazza di Internet non é l’Agorà di Atene. Fortunatamente con qualche eccezione, come il sito su cui state leggendo – http://www.eidoteca.net

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: