eidoteca

Home » Economia / Politica / Società » LA POLITICA ITALIANA “ALLA FRANCESE”

LA POLITICA ITALIANA “ALLA FRANCESE”

2yni87a

Di Federica Salvadè

Elezioni fallite, ingovernabilità e instabilità: il risultato è un’immagine infangata della politica italiana agli occhi stranieri.

200-milioni-sprecati-per-solleticare-lorgogli-L-h_q9TULo sguardo estero sull’Italia non è certo lusinghiero, ma attento e costante. Siamo affascinanti, i francesi ci guardano e si confrontano: “Regardez l’Italie, tremblez pour la France” (Guardate l’Italia francesi, e tremate), titolava il 21 dicembre 2012 Les echos, quotidiano economico francese. Il giornalista fa emergere la paura che un “Mario Monti” francese sia costretto a prendere gli stessi provvedimenti del nostro recente governo tecnico.

Di nuovo, il 10 gennaio 2013 lo stesso quotidiano scrive “Pourquoi les Français doivent regarder vers l’Italie” (Perchè i francesi devono guardare all’Italia). Mario Monti è di nuovo il protagonista dell’articolo: “è stato chiamato poco più di un anno fa alla guida del suo Paese sull’orlo del fallimento, per rimediare alla catastrofe causata da Berlusconi…ha creato una grande coalizione attorno al proprio nome, con un programma che si riassume in un paio di parole: lacrime e sangue”. In breve, il giornalista esprime la necessità di un “super Mario” anche in Francia.

imagesFaccio una piccola parentesi al tono serio del tema intrapreso. Il professore bocconiano è sicuramente uno dei pochi recenti politici italiani esplicitamente apprezzati all’estero; dunque, i francesi non mancano mai un po’ di auto-marketing e scrivono: “Perchè la fonte d’ispirazione alle sue riforme, Mario Monti è andato a pescarla… proprio in Francia.  Monti faceva parte della commissione Attali, istituita nel 2007 da Nicolas Sarkozy per dare il via alla crescita… e nel momento in cui Monti ha tracciato l’itinerario del suo viaggio ha semplicemente ripreso i lavori di questa commissione di cui è stato uno dei pilastri.” Come dire, gli italiani che avessero apprezzato il Professore, si ricordino di ringraziare i francesi.

berlusconi-grillo1Riprendiamo in ordine temporale gli avvenimenti politici. Allo scioglimento del governo tecnico seguono le elezioni del 24 febbraio. Les Echos, il giorno precedente alle elezioni titola un articolo “Les deux populismes italiens” ( I due populismi italiani) per descrivere con pochi apprezzamenti le figure di Silvio Berlusconi e Beppe Grillo. L’articolo prosegue in questo modo: “Il successo di entrambi è d’altronde legato: Berlusconi, moltiplicando le promesse demagogiche, contribuisce a screditare la classe politica e ad alimentare il discorso anarchico di Grillo. La cosa inquietante è che il sistema elettorale italiano, largamente proporzionale, obbligando  spesso a creare governi di coalizione, conferisce a queste formazioni una capacità di nuocere che con un sistema maggioritario non avrebbero avuto. Quello che rassicura è che in Italia, dove d’abitudine l’importanza della politica è relativa, la scelta degli elettori conferma di rado il risultato dei sondaggi”. Le Monde, il giorno successivo alle elezioni, informa così i francesi che i nostri sondaggi invece, non avevano sbagliato: “Molti lo temevano: è il peggiore degli scenari possibili quello che si è verificato in Italia al termine delle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio. È inquietante per la Penisola. È allarmante per l’Europa.”

Nel periodo di ingovernabilità successivo alle elezioni , Le monde definisce Beppe grillo “héros de deux mondes» (Eroe dei due Mondi) che « blocca ogni ipotesi di uscita dalla crisi istituzionale attraverso un rifiuto ostinato del compromesso. Aggiunge confusione alla crisi economica, vegliando gelosamente sulla purezza degli ideali del M5S che hanno portato nelle istituzioni, rifiuta di prendere in considerazione gli appelli che chiedono un’unione con la sinistra, per uscire – anche se provvisoriamente – dal blocco. Come se il successo della loro creatura politica manifestasse, agli occhi dei fondatori, la minaccia di perderne il possesso.”

Presidente_Napolitano

Alla non-formazione del governo si aggiunge l’elezione del presidente Giorgio Napolitano a “scaldare” i giornalisti francesi: “Napolitano avrà 88 anni nel mese di giugno. Il suo mandato è di sette anni, dunque si avvia a lasciare il Quirinale all’età di 94 anni. Vi sembra ragionevole?” E ancora : Il successo di Giorgio Napolitano non è dato dalle sue capacità ma da un sistema politico italiano bloccato”.

images (1)

Pochi giorni dopo il 20 aprile, l’elezione di Enrico Letta ci regala un giudizio positivo dalla stampa francese:  “Un « médiateur-né » pour succéder à Monti” (Un mediatore nato succede a Monti). Les Echos descrive il nuovo presidente del consiglio “Sobrio, discreto e apprezzato per i suoi modi affabili” che “anche se non brilla per carisma …dal suo influente zio eredita uno spiccato senso della misura che non dovrebbe diventare un freno”

images (2)Cito un ultimo articolo che Le monde dedica a uno degli uomini politici più influente nella storia della repubblica italiana, venuto a mancare nel recente 6 maggio. “Italie : Giulio Andreotti, incarnation des gloires et misères de la démocratie-chrétienne” (Italia : Giulio Andreotti, incarnazione di glorie e miserie della democrazioa cristiana). A Giulio Andreotti, Il giornalista francese attribuisce uno politica « tra luci e ombre»  ed uno stile di governo a cui ancora oggi l’Italia vuole ispirarsi.

(N.B. Tutte le frasi riportate sono traduzioni letterali di articoli di quotidiani francesi considerati “politicamente neutrali”. Non ho effettuato una selezione in base a tendenze politiche personali. Se avessi stimolato la curiosità di capire come ci giudicano «fuori le mura», il sito internet www.italiadallestero.info è il mezzo perfetto per approfondimenti)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: